mercoledì 28 ottobre 2015

Rio de Janeiro secondo Stefan Zweig

"Per emozionare una città deve avere in sé tensioni forti e contrastanti. 
Una città che è solo moderna è monotona,
 una città arretrata diventa scomoda con il passare del tempo. 
Una città proletaria porta tristezza, e un luogo di lusso dopo un po’ provoca noia e malumore. 
Quanti più strati una città possiede e in quante più matite di colori differenti si graduino i suoi contrasti, più attraente sarà: così è Rio de Janeiro."

Stefan Zweig (1881-1942) – scrittore austriaco

Nessun commento: