sabato 24 febbraio 2018

Vale il viaggio: Palacio Nacional da Pena, Sintra

In questa rubrica pongo l’attenzione su luoghi specifici, che ho visitato (laghi, ville, palazzi, musei, montagne, penisole, aree archeologiche, piazze, chiese, castelli  ecc.) :  di questi posti sono rimasto entusiasta ed ho pensato che era proprio valsa la pena intraprendere il viaggio fatto per scoprirli.

A poca distanza dal Castelo dos Mouros, su un picco coperto da una vegetazione lussureggiante s'innalza lo stravagante e fiabesco Palacio Nacional da Pena, commissionato nel 1840 dal re Ferdinando II del Portogallo, marito della regina Maria II, all'architetto tedesco Ludwig von Eschweg, la cui costruzione terminò nel 1885.
Oltre che l'esterno, è possibile visitare anche gli interni del palazzo, molto lussuosi e raffinati e si possono percorrere i numerosi sentieri del Parque da Pena, pieni di piante e laghetti.

Il palazzo è patrimonio Unesco dal 1995

Si erge su un picco circondato da fitti boschi

Nell'architettura del palazzo convivono vari stili: gotico, manuelino, arabo, barocco, rinascimentale

I colori predominanti sono il giallo limone ed il rosso

portale in stile moresco

particolare di uno dei portali



cupole a bulbo


decorazioni molto elaborate

Scorcio del palazzo dall'arco moresco


Il Palacio da Pena nel 2007 è stato eletto una delle 7 meraviglie del Portogallo


Accanto al palazzo si trova il Parque da Pena, molto vasto e pieno di piante tropicali, laghetti e sentieri

Su Sintra vedi anche:


venerdì 23 febbraio 2018

Una passeggiata lungo lo Yarra, il fiume di Melbourne

Una delle attività più piacevoli e rilassanti da fare a Melbourne è passeggiare lungo le sponde dello Yarra, il fiume che sfocia in prossimità del centro città, sulle cui rive sorgono bellissimi parchi come il Birrarung Marr ed i Royal Botanic Gardens, dai quali si può ammirare lo skyline di Melbourne da diverse prospettive.

Le sponde del fiume lungo il parco Birrarung Marr, andando verso il centro sportivo Melbourne Park

Lo skyline di Melbourne Southbank con l'Eureka Skydeck che svetta sugli altri edifici, visto da Birrarung Marr

Opera d'arte contemporanea lungo il fiume

Lo skyline di Melbourne CBD, visto dal Princess bridge


Princess Bridge, Melbourne CBD e Birrarung Marr, visti dalla sponda sud del fiume

Lo skyline di Melbourne CBD visto dalla sponda sud del fiume

Club di canottaggio molto frequentati hanno sede lungo la riva sud del fiume, nei pressi di Princess bridge

Princess bridge con Melbourne CBD sullo sfondo

Il fiume solcato da un'imbarcazione di canottieri 

Il Rainbow pedestrian bridge, si trova poco più a ovest del Princess bridge

A passeggio lungo il fiume Yarra

Sull'Australia vedi anche:








mercoledì 21 febbraio 2018

Vale il viaggio: Castelo dos Mouros, Sintra

In questa rubrica pongo l’attenzione su luoghi specifici, che ho visitato (laghi, ville, palazzi, musei, montagne, penisole, aree archeologiche, piazze, chiese, castelli  ecc.) :  di questi posti sono rimasto entusiasta ed ho pensato che era proprio valsa la pena intraprendere il viaggio fatto per scoprirli.

Questa fortezza moresca fu costruita dagli Arabi fra VIII e IX secolo in posizione dominante sopra la città di Sintra, su una collina ammantata dal verde di una foresta rigogliosa.
Si può arrivare al castello a piedi da Sintra-Vila seguendo Rua Marechal Saldana ed imboccando un ripido sentiero di circa 2 km, che regala bei panorami.
Arrivati al castello si può passeggiare lungo le sue mura che si distendono sul crinale della montagna, con una vista che spazia fino all'Oceano Atlantico e comprende Sintra e tutte le verdi valli circostanti punteggiate di palazzi, tra cui spicca il Palacio da Pena, situato su un colle vicino. 

Le mura e i bastioni del castello visti dal basso

Una delle torri del castello con la bandiera portoghese

il camminamento sulle mura del castello

Le mura del castello sono fiancheggiate da enormi massi coperti di muschio

Panorama di Sintra-Vila con il Palacio Nacional, dalle mura del castello

Le mura del castello sono state restaurate nel 2013

Il Castelo dos Mouros assieme a tutto il paesaggio culturale di Sintra è Patrimonio Unesco dal 1995

Il Palacio Nacional de Sintra visto da una feritoia del castello

La piazza d'armi del castello

Le mura del Castelo dos Mouros ed il fiabesco Palacio da Pena sul colle vicino

Panorama di Sintra e dintorni dalle mura del castello

I bastioni del castello che svettano sul paesaggio di Sintra


Su Lisbona e dintorni vedi anche:














martedì 20 febbraio 2018

Una giornata agli Australian Open di tennis

Durante il mio soggiorno a Melbourne ho avuto il piacere di assistere ad alcuni match dell'Australian Open, facente parte dei 4 tornei del Grande Slam, assieme a Roland Garros (Parigi), Wimbledon e Us Open (New York), i più importanti del tennis mondiale.
Il torneo si tiene nelle ultime due settimane di gennaio e dal 1988 ha sede a Melbourne Park, un grande complesso di strutture sportive situate lungo il fiume Yarra, a sud-est del centro della città, da cui è facilmente raggiungibile a piedi o in 5 minuti di tram.
Si tratta di un evento molto sentito in Australia, infatti le tribune degli stadi sono sempre piene, la televisione australiana Seven trasmette tutte le partite in chiaro su due canali e si trovano anche maxi-schermi all'aperto nelle grandi città su cui si possono vedere i match.
L'area dell'evento è organizzata molto bene, con numerosi negozi di merchandising, un palco dove si esibiscono gruppi musicali, numerose aree ristoro, alcune dedicate alle altre tre città dei tornei del Grande Slam, Londra, Parigi e New York.
Io ho acquistato il biglietto per la sessione serale della Rod Laver Arena, che cominciava alle 19, ma sono potuto entrare già dalle 17 ed ho potuto assistere anche ai match in corso di svolgimento negli altri campi, prima di recarmi nel campo centrale verso le ore 20.

Il complesso di Melbourne Park visto dall'Eureka Tower Skydeck: in basso lungo il fiume ci sono i campi da tennis tra cui spiccano i tre stadi principali, dotati di copertura mobile, Margaret Court Arena, Rod Laver Arena ed Hi-Sense Arena, mentre in alto si trova il Melbourne Cricket Ground, lo stadio più grande d'Australia, con una capienza di 100000 spettatori, che ospita le più importanti competizioni di cricket del mondo ed a volte anche match di football australiano e, più raramente, di rugby e calcio

Entrata dell'Australian Open dal parco Birrarung Marr, con il simbolo del torneo formato da migliaia di palline da tennis

La Rod Laver Arena è lo stadio principale del torneo di tennis, ha una capienza di circa 15000 posti

La Hisense Arena, costruita nel 1999, ha una capienza di 9500 posti

Match di terzo turno Seppi-Karlovic sull'Hisense Arena 

risultato finale

intervista al vincitore

Match di terzo turno Kyrgios-Tsonga sulla Rod Laver Arena

La superficie su cui si gioca è il Plexicushion, con parte esterna 100% acrilica e substrato a base di lattice, gomma e particelle plastiche

risultato finale

Statua del tennista australiano Rod Laver posta all'esterno del campo centrale, a lui dedicato: è l'ultimo ad aver realizzato il Grande Slam, cioè vincere i 4 tornei più importanti nello stesso anno, nel 1969.

Un pò di eccellenza italiana all'interno di Melbourne Park, uno stand della Barilla, che è uno degli sponsor del torneo

Match di terzo turno femminile Bertens-Wozniacki sulla Rod Laver Arena

Risultato finale favorevole alla Wozniacki, che poi vincerà anche il torneo.

Sull'Australia vedi anche:








Sul tennis vedi anche: