giovedì 25 maggio 2017

Il lungofiume di Phnom Penh

Il centro di Phnom Penh sorge proprio nel punto in cui le acque del fiume Tonle Sap, proveniente dall'omonimo lago che occupa una buona parte del territorio della Cambogia Centrale, confluiscono nel grande fiume Mekong, il più lungo dell'Indocina, con i suoi 4880 km.
Il lungofiume di Phnom Penh è un posto molto piacevole in cui passeggiare, spazioso anche se molto animato e frequentato sia da turisti che dalla popolazione locale, mentre i due fiumi sono solcati da imbarcazioni di ogni tipo, dalle più piccole e caratteristiche, guidate da un solo rematore in piedi, fino a grandi navi per turisti o chiatte per trasporti commerciali.

l'animato lungofiume, con bandiera della Cambogia

Lungo il fiume sorgono le bandiere di tutti gli Stati che hanno rappresentanza diplomatica a Phnom Penh



Imbarcazioni ai bordi del fiume

Il punto in cui le acque del Tonle Sap confluiscono nel Mekong

Su Phnom Penh e la Cambogia vedi anche:





mercoledì 24 maggio 2017

Una città in 5 foto: Phnom Penh

In questa rubrica, attraverso 5 foto, cerco di esprimere, in modo sintetico, ciò che più mi ha colpito, interessato, incuriosito di una città che ho visitato o di un viaggio che ho intrapreso: infatti penso che, a volte, con le immagini, si comunicano le proprie emozioni meglio che con mille parole...

Phnom Penh, capitale della Cambogia, è una città molto bella e facile da esplorare a piedi, visto che la maggior parte dei siti più interessanti si trovano a poca distanza l'uno dall'altro. La parte più suggestiva della città è sicuramente la zona del lungofiume in cui le acque del fiume Tonle Sap confluiscono nel Mekong, fiancheggiata da tutte le bandiere degli Stati che hanno rappresentanza diplomatica a Phnom Penh, nelle cui vicinanze si trovano anche il magnifico e sontuoso Palazzo Reale e l'interessantissimo Museo Nazionale. Addentrandosi lungo le vie della città ciò che colpisce maggiormente è il traffico, soprattutto di motorini, apparentemente senza regole, costante dalla mattina alla sera, comunque, dopo essere riusciti ad attraversare la strada la prima volta, ci si fa l'abitudine.

Il lungofiume con le bandiere

Palazzo Reale al tramonto

Elegante giardino interno del Museo Nazionale di Cambogia, che ospita la più bella collezione di sculture khmer del mondo

Uno scorcio del centro di Phnom Penh al tramonto, con la statua dell'ex re Norodom Sihanouk sullo sfondo

Sole che tramonta alle spalle del Wat Botum

Sulla Cambogia vedi anche:














domenica 21 maggio 2017

La collina di Phnom Khrom (Cambogia)

Questa collina si erge solitaria sulla pianura fra Siem Reap (da cui dista 12 km) e l'immenso lago Tonle Sap ed è accessibile ai visitatori solo presentando il pass di Angkor, poichè sulla sommità ospita un antico tempio hindù (Phnom Khrom), costruito fra IX e X secolo, formato da tre torri ormai in rovina.
In cima alla collina si trova anche un wat buddista tuttora in attività e si può ammirare un bel panorama a 360° di tutta la zona fra Siem Reap ed il lago Tonle Sap.

Scalinata verso Phnom Khrom

La pianura sottostante

Panorama verso il lago Tonle Sap

Tempio buddista in cima alla collina




l'antico tempio hindù di Phnom Khrom

Il tempio è formato da tre torri dedicate a tre dei del pantheon induista: Shiva, Vishnu e Brahma

Panorama verso il lago Tonle Sap

Lago Tonle Sap

Lago Tonle Sap al tramonto

Sulla Cambogia vedi anche:















venerdì 19 maggio 2017

Templi di Roluos (Cambogia)

Il complesso di templi di Roluos si trova 13 km ad est di Siem Reap e consta di tre templi che sono fra le più antiche testimonianze della civiltà khmer, infatti furono costruiti verso la fine del IX secolo dal re Indravarman I, che fece di Roluos la capitale del suo regno.
Il tempio principale e più grande è il Bakong, formato da una struttura piramidale su cinque livelli di base quadrata, fiancheggiata da torri e cappelle, circondata da tre cinte murarie e decorata da eleganti elefanti e leoni in pietra. 
Gli altri due templi sono il Preah Ko, decorato da statue in pietra di buoi sacri e leoni ed il Lolei, in pessimo stato di conservazione, ma in restauro.

Preah Ko, con le statue di buoi sacri

Bakong, facciata anteriore

Uno dei leoni che decorano la cinta muraria del Bakong

Parte posteriore del Bakong, accanto al quale sorge un monastero buddista

Uno degli elefanti in pietra situati ai quattro angoli dei primi tre livelli del Bakong

Sulla Cambogia vedi anche:













mercoledì 17 maggio 2017

Vale il viaggio: Ta Prohm (Angkor, Cambogia)

In questa rubrica pongo l’attenzione su luoghi specifici, che ho visitato (laghi, ville, palazzi, musei, montagne, penisole, aree archeologiche, piazze  ecc.) :  di questi posti sono rimasto entusiasta ed ho pensato che era proprio valsa la pena intraprendere il viaggio fatto per scoprirli.

Il Ta Prohm è uno dei templi più suggestivi di Angkor, immerso in una fitta vegetazione, è stato lasciato in balia della giungla ed infatti le sue rovine sono strette in un intricato abbraccio dalle radici gigantesche di numerosi alberi.
Il tempio fu costruito a partire dal 1186 ed è ricco di torri, cortili e corridoi ma il suo fascino risiede soprattutto nella dimostrazione di potenza della natura, che lentamente distrugge ciò che l'uomo crea e riconquista il terreno che le era stato strappato.

Ingresso orientale











Sulla Cambogia vedi anche:












martedì 16 maggio 2017

Terrazza del Re Lebbroso e Terrazza degli Elefanti (Angkor Thom,Cambogia)

Al centro di Angkor Thom si trovano queste due piattaforme, splendidamente decorate, da cui il dio-re, con tutto il suo seguito assisteva alla parata dei suoi fanti e cavalieri che sfilavano con elefanti e cavalli nella grande piazza antistante.
La Terrazza del Re Lebbroso è alta 7 metri ed ha i muri perimetrali decorati da cinque ordini di bassorilievi ed anche i muri interni sono decorati con sculture di apsaras e sovrani, in buono stato di conservazione.
La Terrazza degli Elefanti è una gigantesca tribuna lunga 350 metri, decorata con statue di garuda e leoni e bassorilievi di elefanti.

Muro esterno della Terrazza del Re Lebbroso

Terrazza del Re Lebbroso: apsaras sedute

Terrazza del Re Lebbroso: apsaras danzante

Terrazza del Re Lebbroso: rappresentazione di sovrani armati accompagnati da principesse e cortigiani

Terrazza degli Elefanti

Statua di leone sulla Terrazza degli Elefanti

Terrazza degli Elefanti: parte centrale

Sulla Cambogia vedi anche:












lunedì 15 maggio 2017

Templi di Angkor (Cambogia): Baphuon

Un altro dei templi straordinari di Angkor Thom è il Baphuon, situato 200 m a nord del Bayon: è un tempio-montagna su cinque livelli, cui si accede tramite una lunga strada rialzata in arenaria.
Fu costruito a metà dell'XI secolo e dedicato al dio indù Shiva nel 1060: nel suo momento di maggior splendore era sicuramente uno dei templi più spettacolari di Angkor, come testimoniato da un inviato dell'imperatore cinese, che visitò Angkor nel 1296.


Baphuon

Corridoi interni del tempio

La strada rialzata che conduce al tempio vista dall'alto

Sulla Cambogia vedi anche:











domenica 14 maggio 2017

Bassorilievi del Bayon (Angkor Thom, Cambogia)

Come Angkor Wat anche il Bayon presenta celebri bassorilievi, che ricoprono tutto il perimetro esterno del primo livello del tempio, per un totale di 1,2 km di sculture straordinarie che rappresentano scene di vita quotidiana della Cambogia del XII secolo e le guerre combattute fra Khmer e Cham in questo periodo.

Scene della guerra fra Khmer e Cham


battaglia navale


L'esercito khmer marcia verso il campo di battaglia

Sulla Cambogia vedi anche: