sabato 29 aprile 2017

Vale il viaggio: Preah Khan, (Angkor, Cambogia)

In questa rubrica pongo l’attenzione su luoghi specifici, che ho visitato (laghi, ville, palazzi, musei, montagne, penisole, aree archeologiche, piazze  ecc.) :  di questi posti sono rimasto entusiasta ed ho pensato che era proprio valsa la pena intraprendere il viaggio fatto per scoprirli.

Il Preah Khan è uno dei templi più vasti del complesso di Angkor, è situato poco più a nord di Angkor Wat e Angkor Thom ed è caratterizzato da un santuario centrale, da cui si dipartono quattro lunghi corridoi a volta verso le 4 porte della struttura.
Il tempio, costruito dal re Jayavarman VII e consacrato nel 1191 d.C., era sede di numerose importanti cerimonie durante l'anno ed era dedicato sia a divinità del Buddhismo Mahayana che a divinità induiste.

Porta occidentale

Un labirinto di gallerie si dipartono dal santuario centrale

Delicati rilievi ornano le strutture del tempio

In alcune parti del tempio la natura ha preso il sopravvento, come dimostrano queste gigantesche radici di un albero

 Rishi (saggi), scolpiti nella pietra

Santuario centrale

All'interno delle mura del Preah Khan si trova anche questa struttura a due piani di cui s'ignora la funzione, che rimanda all'architettura greca

Apsaras (semidee danzanti), scolpite nella pietra

Ingresso orientale del tempio con grande albero dalle radici intrecciate sulla pietra

All'esterno della porta orientale del Preah Khan, si trova il Jayatataka Baray, un bacino d'acqua che rende il paesaggio molto suggestivo e rilassante 

Sulla Cambogia vedi anche:



mercoledì 26 aprile 2017

Vale il viaggio: Banteay Srei (Cambogia)

In questa rubrica pongo l’attenzione su luoghi specifici, che ho visitato (laghi, ville, palazzi, musei, montagne, penisole, aree archeologiche, piazze  ecc.) :  di questi posti sono rimasto entusiasta ed ho pensato che era proprio valsa la pena intraprendere il viaggio fatto per scoprirli.

Il Banteay Srei è uno dei siti angkoriani più belli e particolari, per la raffinatezza delle sue decorazioni e le tonalità rosate della pietra usata per realizzarlo: si tratta di un tempio hindu dedicato a Shiva, la cui costruzione iniziò nel 967 d.C. ed è uno dei pochi templi non commissionati da un re, ma probabilmente fu costruito per volontà di un brahmino, precettore del re Jayavarman V.
Questo tempio si trova 32 km a nord-est di Siem Reap ed è raggiungibile in circa un'ora di viaggio in tuk tuk, seguendo una comoda strada asfaltata, che attraversa un interessante paesaggio rurale, in cui predominano capanne, palme e mucche.

Le torri decorate del Banteay Srei, circondato dalla foresta

Il tempio è a pianta quadrata, con due ingressi ad est e a ovest

I raffinati bassorilievi del portale d'entrata

All'interno del tempio vi sono alcune statue di mitici guardiani-scimmia

il Banteay Srei è stato restaurato a partire dal 1930 secondo la tecnica dell'anastilosi, cioè ricostruito mediante ricomposizione dei pezzi originali

Banteay Srei significa Cittadella delle Donne, infatti, secondo la leggenda, il tempio fu costruito da una donna, poichè le sue sculture sarebbero troppo elaborate per la mano di un uomo

particolare della decorazione

i guardiani-scimmia in primo piano



Sulla Cambogia vedi anche:



martedì 25 aprile 2017

Zhujiang New Town, Canton, Cina

La parte più moderna e futuristica di Canton, chiamata Zhujiang New Town, dà il suo meglio nelle ore notturne: Huacheng Square è il punto più spettacolare per ammirare lo spettacolo di luci che offre questa zona della città, poichè è circondata a 360° da imponenti grattacieli, tra cui spicca l'IFC (International Financial Centre), ed edifici dalle forme architettoniche audaci e particolari, come la Guangzhou Library, la Canton Tower e la Guangzhou Opera House.

La Canton Tower appare svettante con la sua silhouette, appena usciti dalla fermata della metro Huacheng Avenue

I grattacieli illuminati a nord di Huacheng Square

Zhujiang New Town by night

I simboli della Canton proiettata nel futuro, la Guangzhou Library (inaugurata nel 2013) e la Canton Tower (inaugurata nel 2010)

A Huacheng Square le luci colorate sono ovunque sia se si guarda in basso, sia se si guarda in alto

Tra i grattacieli di questa zona spicca l'IFC (International Finance Center), il primo da destra in questa foto, finito di costruire nel 2010, che, con i suoi 438 metri, è il quindicesimo edificio più alto al mondo

Su Canton vedi anche:













domenica 23 aprile 2017

Canton Tower

Inaugurata nel 2010,  questa torre d'osservazione è presto diventata uno dei simboli più rappresentativi di Canton: è visibile da buona parte del centro della città, grazie ai suoi 595 metri d'altezza, che gli sono valsi anche il primato di torre più alta del mondo, ma per un solo anno, il 2010, prima di essere superata dal Burj Khalifa di Dubai. La Canton Tower spicca nello skyline della metropoli cinese soprattutto durante le ore notturne, quando la sua struttura ad ellisse s'illumina di luci che cambiano continuamente forma e colore.

La torre è stata progettata dagli architetti olandesi di Information Based Architecture e dai designer inglesi di Arup

Settemila Led contribuiscono a formare i giochi di luce della Canton Tower

Con i suoi 595 metri d'altezza la Canton Tower è la settima torre più alta del mondo, la seconda più alta del mondo fra gli edifici non residenziali dietro la Shanghai Tower (dati aggiornati al 2017)

Al suo interno ospita strutture per trasmissioni radio e tv, punti d'osservazione (il più alto dei quali è a 488 metri d'altezza), ristoranti, negozi, cinema 4D, spazi per conferenze e mostre

La Canton Tower vista da Dongshanhu Park

Su Canton vedi anche:













sabato 22 aprile 2017

Canton by night: Huacheng Square (video)

Le luci notturne di Zhujiang New Town, la parte più moderna di Canton, con un panorama a 360° da Huacheng Square

venerdì 21 aprile 2017

Teatro cinese: opera cantonese (video)

A Canton, mentre passeggiavo per le vie del Liwan Lake Park, mi sono imbattuto in questa esibizione di teatro cinese

mercoledì 19 aprile 2017

Yuexiu Park, Canton, Cina

Yuexiu Park è il più noto parco di Canton ed anche il più esteso fra quelli situati nel centro città, occupando una superficie di 860000 mq: è una perfetta combinazione di siti culturali e natura, infatti sorge su 7 colline, piene di alberi e giardini e 3 laghi artificiali, ospitando monumenti importanti per la storia della città, come la statua dei Cinque Arieti, simbolo di Canton, la Zenhai Tower, attualmente sede del Museo Civico di Guangzhou ed anche i resti di una parte delle mura della città, risalenti al periodo Ming.

In una delle colline del parco si trova la statua dei Cinque Arieti, che, secondo la leggenda, trasportarono i 5 Immortali in questa zona allora desolata, portando con sè sementi e tecniche agricole, che fecero prosperare gli abitanti e permisero la fondazione  della città di Guangzhou

Mappa del parco con i suoi tre laghi

Le Antiche Mura della città, risalenti al periodo della dinastia Ming

Padiglione molto elegante nei giardini di Yuexiu Park

La Zenhai Tower è un altro dei simboli di Canton: fu costruita per la prima volta nel 1380 e, durante la sua storia, fu distrutta e ricostruita per 5 volte. In passato fu usata anche come torre d'avvistamento di pirati, ed attualmente, nei suoi 5 piani, ospita l'interessante Museo Civico di Guangzhou, che, attraverso manufatti e reperti, ripercorre i 2000 anni di storia della città.

Ai piedi della Zenhai Tower sorge lo Yuexiu Mountain Stadium, con capienza di 30000 posti

Altro museo situato in questo parco è la Galleria d'arte del Museo di Guangzhou, che espone ricami, oggetti intagliati, porcellane ed illustra gli scambi commerciali di Canton con il resto del mondo

Un bel contrasto di colori nei giardini di Yuexiu Park

Installazioni molto particolari sui laghi di Yuexiu Park

I tranquilli laghi di Yuexiu Park sono solcati da barchette e circondati da vegetazione lussureggiante

Su Canton vedi anche:










martedì 18 aprile 2017

Shamian Island, Canton, Cina

Quest'isola sorge sul Fiume delle Perle, nella parte sud-ovest del centro di Canton ed è un'area di grande interesse storico, perchè fu assegnata come concessione straniera nel 1859 ad inglesi e francesi dopo le Guerre dell'Oppio.
L'isola è quindi caratterizzata da numerosi edifici costruiti in stile europeo, sia religiosi (chiese) che civili, usati come sedi di ambasciate e consolati stranieri, hotel di lusso, club esclusivi: è attraversata da un lungo viale centrale (Shamian Dajie), molto tranquillo, fiancheggiato da giardini, lungo il quale si trovano statue e pannelli con didascalie dettagliate che illustrano l'interessante storia dei vari edifici, che sorgono sui due lati del viale principale.

 Shamian Dajie, il viale principale dell'isola, con zona pedonale centrale caratterizzata da giardini e alberi

Pannello con mappa dell'isola Shamian

Statue lungo il viale principale

Una delle statue che sorgono sul viale principale dell'isola

Chiesa di Nostra Signora di Lourdes, costruita dai francesi nel 1892

Su Canton vedi anche:









lunedì 17 aprile 2017

Liwan Lake Park (Canton, Cina)

Questo parco sorge nella parte ovest del centro di Canton, estendosi su una superficie di 400000 mq, di cui i due terzi sono occupati dalle acque del lago: si tratta di un parco tenuto benissimo, molto piacevole da visitare, che offre numerosi angoli caratteristici, grazie alle tante costruzioni tipiche a forma di pagoda, i ponticelli che attraversano il lago e vi è anche un palco in cui si esibiscono cantanti dell'opera cantonese,

Vialetto con classico passaggio arrotondato

Mappa del parco

Costruzione tipica, in riva al lago

Contrasto fra tradizione e modernità

Isolotto con statua, in mezzo al lago

Liwan Lake

Piccole pagode e ponticelli immersi nel verde

Barchette solcano le placide acque del lago

Laghetto interno

Liwan Lake

Esterno del piccolo teatro dell'opera

Su Canton vedi anche: