mercoledì 26 aprile 2017

Vale il viaggio: Banteay Srei (Cambogia)

In questa rubrica pongo l’attenzione su luoghi specifici, che ho visitato (laghi, ville, palazzi, musei, montagne, penisole, aree archeologiche, piazze  ecc.) :  di questi posti sono rimasto entusiasta ed ho pensato che era proprio valsa la pena intraprendere il viaggio fatto per scoprirli.

Il Banteay Srei è uno dei siti angkoriani più belli e particolari, per la raffinatezza delle sue decorazioni e le tonalità rosate della pietra usata per realizzarlo: si tratta di un tempio hindu dedicato a Shiva, la cui costruzione iniziò nel 967 d.C. ed è uno dei pochi templi non commissionati da un re, ma probabilmente fu costruito per volontà di un brahmino, precettore del re Jayavarman V.
Questo tempio si trova 32 km a nord-est di Siem Reap ed è raggiungibile in circa un'ora di viaggio in tuk tuk, seguendo una comoda strada asfaltata, che attraversa un interessante paesaggio rurale, in cui predominano capanne, palme e mucche.

Le torri decorate del Banteay Srei, circondato dalla foresta

Il tempio è a pianta quadrata, con due ingressi ad est e a ovest

I raffinati bassorilievi del portale d'entrata

All'interno del tempio vi sono alcune statue di mitici guardiani-scimmia

il Banteay Srei è stato restaurato a partire dal 1930 secondo la tecnica dell'anastilosi, cioè ricostruito mediante ricomposizione dei pezzi originali

Banteay Srei significa Cittadella delle Donne, infatti, secondo la leggenda, il tempio fu costruito da una donna, poichè le sue sculture sarebbero troppo elaborate per la mano di un uomo

particolare della decorazione

i guardiani-scimmia in primo piano



Sulla Cambogia vedi anche:



Nessun commento: