giovedì 22 settembre 2016

Vale il viaggio: Castello di Torrechiara

In questa rubrica pongo l’attenzione su luoghi specifici, che ho visitato (laghi, ville, palazzi, musei, montagne, penisole, aree archeologiche, piazze  ecc.) :  di questi posti sono rimasto entusiasta ed ho pensato che era proprio valsa la pena intraprendere il viaggio fatto per scoprirli.

Il castello di Torrechiara è una delle più belle e meglio conservate architetture fortificate dell'Emilia-Romagna, in suggestiva posizione su una collina in posizione dominante sulla valle del fiume Parma, a 18 km dal capoluogo. Il castello fu fatto costruire da Pier Maria II dè Rossi fra 1448 e 1460, per la sua amata Bianca Pellegrini e si sviluppa su una pianta quadrata contornata da torri e da una triplice cinta muraria: fu successivamente modificato dagli Sforza  dopo il 1575, con la costruzione di due ampie logge panoramiche e l'abbassamento delle mura difensive.
Stupendo è l'interno con sale affrescate con temi naturalistici, fantastici e grottesche, in gran parte opera di Cesare Baglione e della sua cerchia (fine XVI secolo): un autentico gioiello è la Camera d'Oro, che fungeva da camera da letto e studiolo privato di Pier Maria dè Rossi, affrescata nel 1464 da Gerolamo Bembo, con soggetti simbolici dedicati alla celebrazione dei due amanti, e decorata anche da un ricco rivestimento di formelle di terracotta, considerata una delle più complete ed eleganti rappresentazioni quattrocentesche dell'amor cortese.

l'imponente mole del castello visto dalla strada sottostante

l'entrata del castello

Il viale d'ingresso

La corte quadrata interna, in parte porticata

La sala del pergolato con decorazione a trompe l'oeil

un particolare degli affreschi del castello

affreschi cinquecenteschi

La sala detta dei Giocolieri o degli Acrobati

La sala prende il nome da questa raffigurazione: un gruppo di giocolieri che esegue complicati esercizi con dei cerchi, stando in equilibrio sopra quattro leoni

La volta della Camera d'Oro

Una parete della Camera d'Oro

Particolare degli affreschi della Camera d'Oro

Le formelle in terracotta, che decorano la Camera d'Oro

La loggia cinquecentesca con panorama della valle del fiume Parma

La loggia cinquecentesca, a cui si accede dalla Camera d'Oro

Sull'Emilia-Romagna vedi anche:









Nessun commento: