lunedì 7 marzo 2016

Vale il viaggio: Newgrange (Irlanda)

In questa rubrica pongo l’attenzione su luoghi specifici, che ho visitato (laghi, ville, palazzi, musei, montagne, penisole, aree archeologiche, piazze  ecc.) :  di questi posti sono rimasto entusiasta ed ho pensato che era proprio valsa la pena intraprendere il viaggio fatto per scoprirli.

Newgrange è un tumulo, che ospita al suo interno una tomba a corridoio, sovrastata da una grande collina artificiale: fu costruito intorno al 3200 a.C., 1000 anni prima di Stonehenge e 600 anni prima delle Piramidi.
Fa parte di una vasta necropoli neolitica, che si chiama Bru Na Boinne, situata a 40 km da Dublino, lungo la valle del fiume Boyne: questo complesso megalitico comprende diversi siti fra i più straordinari di tutta l'Europa, a testimonianza dei grandi risultati ottenuti dagli uomini preistorici.
Ad un primo sguardo, Newgrange lascia subito a bocca aperta, per le sue mura rotonde costruite in pietre di quarzo bianche, la cupola erbosa e le dimensioni di 80 metri di diametro e 13 metri di altezza.
L'interno è costituito da uno stretto passaggio lungo 19 metri, fiancheggiato da pietre in posizione verticale, che conduce alla camera funeraria, situata a circa un terzo della lunghezza del tumulo: la camera ha pianta cruciforme, ed è caratterizzata da tre nicchie, in cui si trovano grandi bacini di pietra, che contenevano resti di ossa umane cremate.
Sopra la camera funeraria, vi sono lastroni di pietra, che formano una tetto con volta a tholos, alto 6 metri, ancora oggi completamente impermeabile all'acqua, grazie ad un complesso sistema di drenaggio.
Un'altra eccezionalità di questo sito preistorico è la fenditura situata sopra l'ingresso, da cui, il giorno del solstizio d'inverno, a partire dalle 8:20, penetrano i raggi del sole, s'insinuano lentamente lungo il passaggio ed illuminano la camera sepolcrale per 17 minuti: per poter assistere in diretta all'evento, nel momento preciso in cui il sole illumina la camera, ogni anno si svolge una lotteria gratuita, a cui è possibile partecipare compilando un modulo presso il centro visitatori, ma comunque anche durante la visita guidata all'interno del tumulo si può assistere ad un solstizio d'inverno simulato, grazie ad un sistema d'illuminazione artificiale.
La funzione di questo sito nell'antichità ancora non è certa, infatti secondo alcuni era un luogo di sepoltura dei re, secondo altri un centro rituale, altri ancora pensano che fungesse anche da calendario, visto l'allineamento preciso con il sole, il giorno del solstizio d'inverno.

Il grande tumulo di Newgrange, patrimonio dell'umanità Unesco dal 1993

L'ingresso del tumulo di Newgrange, in cui si possono notare alcuni dei massi che lo cingono alla base, impedendogli di crollare: si tratta di 97 grosse pietre (kerbstone), undici delle quali decorate con motivi a losanga e spirale

Un particolare della decorazione a spirale di una delle pietre poste all'ingresso del tumulo

Newgrange è uno dei siti più visitati in Irlanda ed ogni giorno l'ingresso è permesso a non più di 750 visitatori, con i biglietti venduti in base all'ordine d'arrivo: è consigliabile quindi andare al mattino presto o in un giorno feriale.

Panorama su Newgrange dal centro visitatori

Vedi anche:



Nessun commento: