lunedì 7 giugno 2010

Dancity Festival Foligno 25-26 Giugno 2010


I mondiali di calcio. State pensando tutti a quello. Ogni quattro anni. Sudafrica 2010. E anche se non ci pensate, ci pensano i media per voi.
Ne parlano loro. E quindi ci pensate anche voi. Ma chiudete gli occhi per un attimo. Riapriteli. Provate a pensare a qualcos'altro. Ad usare altri media. Ad immaginare altri mondiali. Niente sport. O, almeno, niente sport esistenti. Immaginate altri campi da gioco. Provate ad immaginare questo: un mondiale della musica digitale.


Il luogo è Foligno, il tempo è l'estate, dal 25 al 26 giugno 2010. Il “mondiale” è Dancity, il festival di musica elettronica ed arti digitali, giunto quest'anno alla sua terza edizione: “Our Field of Play”. La musica elettronica è il nostro campo da gioco, il dancefloor il nostro manto verde.

I giocatori sono musicisti che suonano fino all'alba, oltre il novantesimo minuto, i tifosi sono corpi che ballano.

Quest'anno la nazionale di Dancity schiera le stelle:

Bugge Wesseltoft (Nor) + Henrik Schwarz (Ger), ovvero la laptop music applicata al jazz, come voler dare geometria al bebop futbolista di Garrincha; il fenomeno norvegese Prins Thomas (Nor) e la sua musica “cosmica”; il pressing compatto di Floating Points (Uk); i colpi di testa di Etienne Jaumet (Fr) e la sua elettronica emozionale; la manovra avvolgente di Commodity Place (Ita); la saggezza del suono di John Potter, una carriera più longeva di Vierchowod, che con gli assist di Ambrose Field ha realizzato Being Dufay (Uk); i tackle puliti e il gioco minimal(e) ed elegante della berlinese Cassy; l'imprevedibilità di Alessio Bertallot (schierato a tridente con i jazzisti Gianluca Petrella e Giovanni Guidi); Marco Bernardi, l'oriundo italo-scozzese; 2562 (dubstep olandese, nuovo come il calcio totale di Crujiff e compagni al Mundial ‘74); la libertà di movimento dell'attivista del pansessualismo, Terre Thaemlitz/Dj Sprinkles (Usa), il “nove e mezzo” della digital music; l'house profonda di SoulPhiction + Susan Rozkosny (Ger) per tenere alto il ritmo anche quando hai già dato tutto; e infine, là davanti, i fuori quota, i fuoriclasse: Alva Noto + Ryoji Ikeda (Ger + Jap). La formazione è pronta. Il modulo lo stesso di sempre: due giorni di musica, danza, performance e visioni, cene in osteria, concerti in Auditorium (una chiesa medievale con affreschi del '300), eventi per la città, passeggiate all'alba nei vicoli del centro storico. La musica del presente che si sovrappone a paesaggi radicati nel passato. Dancity 2010. Queste le nostre regole: 48 ore di gioco + eventuali supplementari. Questo il nostro campo. Noi ci mettiamo la palla, voi i corpi e il sudore. Indossate la vostra divisa migliore e venite a ballare. Ancora una volta. Benvenuti a Dancity versione “mundial”. Benvenuti a Foligno.

ticket singola serata 20€
abbonamento 2 serate 35€
info altavaltiberina Andrea 3333716363

tutte le info e il programma completo su:
www.dancityfestival.com

Nessun commento: